Incontro cori maschili 2016

Incontro tra musicisti impegnati nell'Associazioe per lo Sviluppo delle Attività Corali del Veneto


Fin dall'elezione a presidente della nostra Associazione ho sentito il bisogno di incontrarvi per conoscere le vostre esperienze, i vostri progetti, le vostre difficoltà e perché no, i vostri desideri.

La coralità maschile sta vivendo un momento di grande interesse: sono molti i gruppi vocali e i cori maschili che stanno affollando la scena musicale italiana, europea e mondiale.

Stanno emergendo modelli nuovi di gruppi maschili. A Europa Cantat questa attenzione si è fatta concreta anche con l’interesse per le voci maschili in muta di voce.

Nascono cori giovanili maschili, e ne ho avuto prova al 1° Concorso Nazionale per Cori Maschili Luigi Pigarelli che si è svolto ad Arco (TN) alla fine di ottobre del 2015, che portano avanti la tradizione tipica della nostra terra; ci sono cori maschili che mettono insieme canti della tradizione con nuove elaborazioni che diventeranno tradizionali; ci sono cori maschili che si aprono a nuove esperienze polifoniche attingendo al repertorio della musica corale colta; nascono gruppi vocali maschili aperti al repertorio vocale A Cappella come lo sono i King’s Singers e le miriadi di vari gruppi di nuova generazione.

C’è un ricambio generazionale a livello di direzione ma anche a livello di organico.

Dobbiamo uscire dai luoghi comuni che vedono i cori maschili destinati alla fine, tutt’altro.

Almeno per queste ragioni desidero incontrarvi, per ascoltarvi e costruire insieme percorsi di sviluppo di questa specifica identità corale.

Non sarà una conferenza né un seminario e nemmeno un incontro di formazione. Vi chiedo di partecipare a un incontro tra pari: direttore di coro io, direttori di coro voi.

Un incontro tra musicisti impegnati in una associazione che ha come scopo lo sviluppo dell'attività corale.

Ci troviamo venerdì 1° luglio 2016 alle ore 19.00 presso la sede del Laboratorio Harmònia, in via Jacopo del Cassero n. 4 a Malcontenta (Venezia).

Vi aspetto.
Un cordiale saluto,
Nicola Ardolino

Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.